copy left al dfd

20 marzo , 2009

COPYLEFT
distribuire musica liberamente nell’era di facebook e myspace
mercoledì 25 marzo dalle 16.30
centro polifunzionale Opera (MI) – via gramsci 21

La possibilità  nell’era del web 2.0 di distribuire la propria opera ad un grande pubblico facilmente raggiungibile utilizzando internet è una risorsa enorme per le band emergenti ed offre l’opportunità  di emanciparsi da etichette carnivore e fenomeni di marketing spesso incomprensibili. D’altra parte si pone il problema della difesa dei diritti d’autore e il riconoscimento della paternità dell’opera.

Le licenze creative commons offrono in questo senso una valida alternativa al copyright e alla registrazione SIAE permettendo la libera circolazione dei saperi e lasciando molta più flessibilità  e potere di gestione dei processi creativi e distributivi direttamente alla band o al dj.

Il 25 marzo (dalle 16.30 alle 24, presso il Centro Polifunzionale di Opera di Via Gramsci 21), in occasione del document freedom day, il progetto della provincia di Milano di promozione della musica emergente Databand in collaborazione con ARCI e GNUFunk promuovono una tavola rotonda sulle licenze creative commons e una serie di concerti live di band copyleft.

il programma completo su

http://www.fsugitalia.org/dfd/doku.php?id=dfd09:ccc

Info su

www.databand.it

www.dfdmilano09.tk


document freedom day

4 marzo , 2009

Il DFD è l’evento in cui si cerca di far conoscere al grande pubblico i vantaggi, le potenzialità e i valori che caratterizzano gli standard aperti, con particolare attenzione per i formati aperti per i documenti ( ODF, Open Document Format), ma non solo. E’ anche una ottima occasione per diffondere e promuovere programmi in grado di operare con gli standard aperti di cui sopra, tra cui anche OpenOffice, la “office suite” libera, veloce ed efficiente, in grado di soppiantare a pieno la sua alternativa proprietaria Microsoft.

dfd09-web1

Il programma è incredibilmente ricco, grazie alla fitta rete di collaborazioni nate intorno all’evento: dall’ARCI Milano al PLIO, da Jamendo al progetto databand

Un ringraziamento speciale va ad abaco computers e yteck che aiuteranno economicamente il progetto, altrimenti completamente autofinanziato.

Non due aziende a caso, tra l’altro…

Il progetto Abaco nasce da un’esigenza diffusa, che emerge da quella che ormai è una necessità oggettiva ma che in molti tendono purtroppo a confondere ancora con una sorta di semplice, quanto sostanzialmente vana, speranza: la possibilità d’individuare un modo semplice e finalmente efficace per stimolare la crescita e la diffusione non solo di Linux e della filosofia che ne è a fondamento, ma anche e soprattutto d’una modalità di consumo piu’ attenta alle tematiche etiche e alle discussioni legate alla sostenibilità economica. “Persino” in ambito informatico!

Yteck nasce dall’esigenza e il desiderio di creare una econima “locale” e di aiutare sia chi vuole iniziare una propria attività con il supporto di chi ha gia fatto una parte importante di esperienze e chi ha gia una sua attività in campo informatico e vuole aderire al progetto
Lavorando nel posto dove uno vive raggiungiamo alcuni scopi importanti: riduzione pendolarismo, riduzione inquinamento e usura automobile, riduzione costi,  “vivere” il posto dove si abita (e non solo andarci a dormire), stimolare la collaborazione e creare nuove occasioni per i ragazzi,  seguire o creare progetti di volontariato basati sull’informatica
Obbiettivo del progetto è  fornire servizi in ambito informatico – Assistenza, riparazione ma anche servizi aggiunti. la logica vuole essere realmente quella di un punto di consulenza e non essere “imprigionati” in meccanismi di vendita di scorte di magazzino o investimenti sbagliati. Fornendo solo il servizio siamo piu sereni nel poter dare al cliente un consiglio davvero disinteressato e trovare insieme a lui e per lui la soluzione adatta.

Un ulteriore ringraziamento va ai nostri compagni di viaggio in questa avventura, da novembre infatti lavoriamo a stretto contatto con FSUG Italia che ha condiviso con noi la fatica organizzativa e logistica dell’evento e con cui condivideremo la gestione dell’iniziativa.

Che dire… Vi aspettiamo al document freedom day, al centro polifunzionale di Opera il 25 marzo da mattina a sera… Maggiori informazioni e il programma completo dell’evento sono disponibili sul sito www.dfdmilano09.tk


Materiali e documentazione

24 aprile , 2008

Stiamo lentamente raccogliendo e sistemando tutti i materiali prodotti durante la due giorni operese, è ovviamente un work in progress e i materiali verranno pubblicati appena disponibili…

L’invito a chi abbia del materiale di qualsiasi genere sull’iniziativa è a pubblicarlo on-line e inviarci un link.

Comunque ecco qui un primo assaggio

Immagini

Cominciamo con un po’ di foto che ci hanno inviato Luca e Francesco del LOLUG, poi ci sono quelle fatte da Natasha (volontaria europea della coop. soc. Grado 16) e da Ico del gruppo promotore dell’evento.

Musica

Poi c’è la musica e la dispensa prodotte da Mattia Giovanetti durante il suo workshop “Libera fonoincisione”.

Presentazioni talks

Crealabs – Ubuntu negli enti pubblici presentato da Fabrizio Balliano

Michele Marzulli – OpenOffice 2.0, l’alternativa libera per leggere, scrivere, e far di conto…

La pagine in cui trovare TUTTI i materiali disponibili è questa