Liberiamo le mappe

Rientrati dalle vacanze estive quale modo mgliore di ricominciare che andare a sentire questo interessante intervento di Andrea Giacomelli alias Pibinko? Giovedì 4 settembre alle 10 di mattina l’occasione per fare il punto sulle così dette mappe libere a Venezia – Università IUAV – Facoltà di Pianificazione – Ca’ Tron, Santa Croce 1957 – Aula del Consiglio.

mappa

di seguito il comunicato

Negli scorsi dodici mesi in Italia è molto aumentata la sensibilità
sulle cosiddette "mappe libere".

Ciò è stato dovuto allo sviluppo non del tutto indipendente di vari
fattori: la crescita di comunità di "cacciatori-raccoglitori" di dati,
il consolidamento di quelle legate agli sviluppatori, la curiosità di
alcuni enti pubblici, e -non ultimo- la costituzione di
un'associazione che ha iniziato a interagire in modo strutturato e
orientato alla promozione sociale, avviando raccordi di tipo nuovo tra
i molti soggetti coinvolti nella gestione del territorio e i molti
soggetti che insistono sul territorio gestito.

Nella somma di tali sforzi, la mole di dati liberi oggi disponibili è
oggi innegabilmente superiore quella di un anno fa, e non si prevede
una diminuzione di questa tendenza; di pari passo, procede la
maturazione sul tema della licenza cui il dato si deve accompagnare,
per garantirne l'esistenza in forma "libera".

Allo stesso tempo, quello che viene visto uno dei punti di forza del
fenomeno, ovvero il fatto di appoggiarsi a una base di
utenti destrutturata che interagisce secondo logiche "web 2.0", sulla
base di licenze libere, a volte in contrapposizione con il mondo "web
1.0 o precedente" e con la realtà "del mondo del GIS", in alcuni
episodi rappresenta un possibile collo di bottiglia, se non una grande
occasione per reinventare la ruota (che chiameremo ruota 2.0 ?). In
pratica: uno spreco o una perdita di opportunità.

Il seminario proporrà un contesto in cui calare l'attuale situazione
legata allo stato dei dati geografici e degli strumenti indispensabili
per sfruttarli, assieme a una possibile prospettiva di sviluppo in
quello che viene a tutti gli effetti visto come un possibile percorso
di graduale liberazione del sapere geografico in Italia.

Verranno inoltre passati in rassegna sotto questa luce alcuni degli
attuali progetti legati all'acquisizione collaborativa -e alla
condivisione secondo licenze libere- di dati geografici.

per ulteriori informazioni: info at pibinko punto org
Annunci

4 Responses to Liberiamo le mappe

  1. a.g. ha detto:

    ciao, noi abbiamo appena lanciato una petizione per la liberazione dei dati della provincia autonoma di trento

    http://firmiamo.it/liberazionedatigeografici

  2. liberamente08 ha detto:

    Una iniziativa encomiabile 🙂
    Corro subito a lasciare la mia firma!

  3. a.g. ha detto:

    grazie, se puoi far circolare … 🙂

  4. liberamente08 ha detto:

    certo, non mancheremo!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: